Caldo
Nuovo
Disponibile
Acquistabile
Non disponibile

GUARNIERI - Da Habilis a Jobs: due milioni di anni con la tecnologia

SKU: 3862- LITO- IEd.2019

ISBN: 9788893851640

A MAGAZZINO: Disponibili (55 copie)

FORMATO: Hardcover

€95,00

Sono rimaste solo 55 copie

Ordina il prossimo 0 ore 0 minuti per riceverlo entro il         /01/2023
9 clienti live in questo momento

Ritiro disponibile presso Magazzino Esculapio

Di solito pronto in 1 ora

GUARNIERI - Da Habilis a Jobs: due milioni di anni con la tecnologia

Default Title

American Express
Apple Pay
Google Pay
Maestro
Mastercard
PayPal
Shop Pay
Visa
SINOSSI LIBRO
TEXTINCLOUD
INDICE GENERALE
SINOSSI LIBRO

È un fatto sorprendente quanto la Storia della Tecnologia sia trascurata nel nostro paese, benché tutti dipendiamo sempre di più da quest’ultima. Eppure già nel quinto secolo prima dell’era attuale (come qualcuno preferisce dire oggi, per rispetto delle diverse culture) Confucio ammoniva “Studia il passato se vuoi prevedere il futuro”, un pensiero condiviso da Polibio, che probabilmente non sapeva nulla di Confucio, ma nel secondo secolo dell’era attuale riteneva che “... per gli uomini non esiste un più sicuro mezzo di farsi migliori di quanto non lo sia la coscienza del passato”. Edmund Burke forse si ispirò a loro quando, agli albori della rivoluzione industriale, ammoniva che “I popoli che non si volgono indietro ai loro antenati non sapranno neanche guardare al futuro”. Sembra irragionevole non applicare questi principi alla tecnologia, che è diventata così potente ed onnipotente. Eppure è quanto continua a succedere in Italia, almeno da quanto, oltre un secolo fa, lo scontro filosofico tra Federigo Enriques da un lato e Benedetto Croce e Giovanni Gentile dall’altro, si risolse a favore di questi ultimi, anche a ragione della direzione politica che aveva preso allora il paese. Per confronto, nelle grandi università americane ed inglesi, tanto per citare due paesi che sono patrie di celebrate eccellenze accademiche, insegnamenti di Storia della Tecnologia ed anche di Filosofia della Tecnologia sono offerti con successo da molto tempo. Questo libro ha l’ambizione di contribuire a richiamare l’attenzione sull’esigenza di una maggiore cultura e consapevolezza tecnologica. Il suo spirito è di offrire un quadro complessivo dello sviluppo tecnologico, esteso nel tempo, come il titolo avvisa, ma anche nello spazio, senza barriere geografiche. È rivolto specificamente a quei giovani che, seguendo corsi universitari scientifico-tecnologici, avvertono questa necessità. Spero però di averlo scritto in uno stile facilmente accessibile a chiunque. Formule matematiche quasi non compaiono. Ho cercato invece di illustrare fatti e considerazioni che possono risultare sorprendenti, perché estranee alle conoscenze comuni e tuttavia capaci di stimolare la riflessione e la comprensione di interazioni ed implicazioni non evidenti di primo acchito. Il libro parla di molte innovazioni tecnologiche, almeno di quelle che sono ritenute più importanti, ma inevitabilmente non di tutte, mettendo in luce come esse si siano sviluppate in un intricato gioco di mutue influenze con la politica, l’economia, la cultura, la religione, ... e come società diverse abbiano adottato tecnologie simili, ma anche come le stesse tecnologie abbiano prodotto reazioni diverse in società diverse o in epoche diverse. Il libro cerca di spiegare perché alcune tecnologie siano fallite e altre abbiano avuto successo. Ed anche, guardando al futuro, quali oggi promettono di averne. Ma potrebbero essere promesse deluse, perché tutte le tecnologie hanno sempre un rovescio della medaglia e sta a chi le indirizza e le usa renderle virtuose o cattive. Fin da quando un coltello scheggiato nella selce poteva servire a sopravvivere procurando il cibo o ad uccidere un altro uomo. Due milioni di anni dopo, l’energia atomica, una delle più dirompenti tecnologie del secolo da poco concluso, ha sollevato lo stesso dilemma.

MASSIMO GUARNIERI: laureato con lode in Ingegneria Elettrotecnica a Padova nel 1979, ha conseguito il master in Ingegneria del plasma e della fusione termonucleare nel 1982, il master in organizzazione aziendale nel 1986 e il dottorato di ricerca in Scienze Elettriche a Roma nel 1987. Professore ordinario di Elettrotecnica dal 2000. Dal 1980 per vent’anni ha lavorato alla progettazione, costruzione e gestione di macchine per ricerche sulla fusione termonucleare controllata, condotte in collaborazione con centri di ricerca inglesi, irlandesi, svedesi, statunitensi e giapponesi. Da oltre altri vent’anni si dedica a ricerche sulle fonti alternative e rinnovabili di energia e sui sistemi di accumulo energetico per impieghi sia mobili che stazionari, con metodi sia numerici che sperimentali. In quest’ambito collabora con centri di ricerca tedeschi, svedesi e statunitensi. È membro di associazioni scientifiche e tecniche comunitarie che supportano la Commissione Europea nella definizione dei programmi scientifico-tecnici di sviluppo energetico. Da oltre 30 anni si interessa di storia della tecnologia. Insegna Elettrotecnica e Storia della Tecnologia all’Università di Padova ed è autore di oltre duecento articoli scientifici prevalentemente pubblicati su riviste scientifiche internazionali oltre che di numerosi testi didattici e monografie.

TEXTINCLOUD

Il tuo libro ha questo logo? Registra il codice e accedi al Textincloud

INDICE GENERALE
GUARNIERI - Da Habilis a Jobs: due milioni di anni con la tecnologia

GUARNIERI - Da Habilis a Jobs: due milioni di anni con la tecnologia

€95,00